La propria voce

Prima di iniziare qualsiasi progetto professionale, la cosa più importante è trovare dentro di sé la propria voce personale, con la quale sentirsi più libero e più sicuro per affrontare qualsiasi sfida possa sorgere. La propria voce è lì, in tutti noi è diversa, ed è ciò che ci rende differenti.
La propria voce grafica si ottiene guardandosi dentro. Quindi si dovrà imparare a metabolizzare le influenze degli altri, e a renderli propri. Sarà d’aiuto conoscere ciò che i maestri della storia e dell’illustrazione dell’arte hanno fatto prima di noi, conoscere le proprie influenze, gli stili con cui uno si sente più identificato e le diverse tecniche che possono aiutare nello sviluppo personale come creatore di plastica.
E se si possiede già una voce e un progetto, perfetto. Svilupparlo e renderlo ancora più personale può essere l’obiettivo di questo corso.
Si tratta di conoscere e conoscere chi siamo, di gestire le paure che ci bloccano e impedire il progresso, di essere il più personale e libero possibile, di eseguire il lavoro professionale con la stessa libertà e facilità con cui disegniamo nei nostri taccuini di schizzi, senza le pressioni di un incarico che tante volte non lasciano uscire il proprio lavoro più intimo e personale.

Programma
1. Dello stile e dalla propria voce.
2. L’illustrazione di ieri e di oggi. Riflessione sul nostro lavoro. Le nostre ossessioni, i nostri riferimenti, i nostri ricordi. Riferimenti dagli insegnanti.
3. L’essenza di un personaggio.
4. Tecniche plastiche per l’analisi del libro e della composizione
5. Dallo schizzo all’arte finale.

Corso in italiano, spagnolo e inglese.

Antes de comenzar con cualquier proyecto profesional, lo más importante es encontrar dentro de ti tu voz personal, con la que te sentirás más libre y seguro para afrontar cualquier reto que se te plantee. Tu voz está ahí y en todos nosotros es distinta, es lo que nos hace diferentes.
Encontrar tu voz gráfica se consigue mirando dentro de ti. Luego tendrás que aprender a metabolizar las influencias de los otros, a hacerlas tuyas. Te ayudará conocer lo que los maestros de la historia del arte y la ilustración han hecho antes de ti, conocer tus influencias, los estilos con los que te sientes más identificado y distintas técnicas que te pueden ayudar en tu desarrollo personal como creador plástico.
Y si ya tienes una voz y un proyecto, perfecto. Desarrollarlo y hacerlo aún más tuyo puede ser tu objetivo en este curso.
De esto se tratará, de conocernos y conseguir saber quiénes somos, de gestionar los miedos que nos bloquean e impiden avanzar, de ser lo más personales y libres posibles, de realizar trabajos profesionales con la misma libertad y soltura con la que dibujamos en nuestros cuadernos de bocetos, sin las presiones de un encargo que tantas veces no dejan salir tu trabajo más íntimo y personal.

Programa
1. Del estilo y la voz propia.
2. La ilustración ayer y hoy. Reflexión sobre nuestro trabajo. Nuestras obsesiones, nuestras referencias, nuestros recuerdos. Referencias de los maestros.
3. La esencia de un personaje.
4. Técnicas plásticas para el libro y análisis de la composición
5. Del boceto al arte final.

Before starting any professional project, the most important thing is to find your personal voice within yourself, a voice with which you will feel freer and safer to face any challenge that may arise. Your voice is there and it is different in all of us, it is what makes us different.
Finding your graphic voice is achieved by looking inside you. Then, you will have to learn to metabolize the influences of others, to make them yours. It will be helpful to know what the masters in the history of art and illustration have done before you, to know your influences, the styles with which you feel most identified and different techniques that can help you in your personal development as a plastic creator.
And if you already have a voice and a project, perfect. Developing it and making it even more yours can be your goal in this course.
This will be about searching and getting to know who we are, to manage the fears that block us and prevent progress, to be as personal and free as possible, to perform professional work with the same freedom and ease with which we draw in our sketch notebooks, without the pressures of an assignment that so many times do not let out your most intimate and personal work.

Program
1. About the style and your own voice.
2. The illustration yesterday and today. Reflection on our work. Our obsessions, our references, our memories. References from the masters.
3. The essence of a character.
4. Plastic techniques for a book and composition analysis.
5. From the sketch to the final art.

Ogni studente dovrebbe portare i materiali che ritiene più appropriati o di cui vorrebbe perfezionare l’uso, o che semplicemente preferisce. La scelta dei materiali è una parte importante del processo creativo.

Elenco base
Un quaderno da viaggio o per schizzi
2 libri illustrati (quelli che vi interessano di più)
Una selezione di lavori (non più di 20, ed almeno due originali)
Il libro di un artista o gli schizzi già realizzati (se in possesso)
Carte colorate (una selezione di circa 10 fogli, soprattutto se sono carte particolari)
Colla stick
1 chiavetta (per caricare i file che si useranno durante il corso)

Materiali per dipingere
Scatola di acquerelli usata normalmente (tubetto, pastiglie, ecc.)
Colori primari e olio bianco
Una piccola scatola di colori a cera
Acrilici (minimo bianco e nero)
Pastelli
Inchiostro china nero
Inchiostri colorati (2-3, almeno uno seppia o marrone)
Inchiostro per calcografia (per incisione) all’acqua o all’olio (all’acqua è preferibile): 1-2 colori

Strumenti e materiali
Un pennello Pentel (*) nero (o altre marche). Anche 1-2 pennelli vuoti, se li trovate (molto utili per disegnare dal vero e in viaggio)
I pennelli preferiti
Pennellesse (2-4)
Matite 2B, 6B o più morbide
Matite Conté e carboncini (molto importante!)
Forbici e taglierino (attenzione negli aeroporti, NON portarli nella borsa)
I pennini preferiti
Stracci (1-2)
Godets per mescolare i colori (vanno bene i piatti di plastica bianca)
Rulli per incisione (uno piccolo e uno più grande). Il più economico è sufficiente.
Una gomma da modellare (è una gomma morbida che può essere modellata e utilizzata per definire le luci, ecc.)

(*) Un pennello Pentel è un pennello da viaggio in plastica con un contenitore che può essere riempito con acquerelli liquidi o solo con acqua. Esistono anche con inchiostri colorati.

Carte
La carta preferita
5 fogli di carta per acquerelli ca. 35×50 cm
5 fogli di carta da incisione 35×50 cm (Fabriano bianco o crema o simile)
1 quaderno per schizzi: il marchio preferito (Canson, Guarro Fabriano …), un A3 e un altro A4
5 fogli di acetato A3

Altre materiale facoltativo
Un tappetino per il mouse per computer, il più economico. Verrà usato per ritagliare forme e stencil. Può andar bene anche gomma-eva o materiale simile.

Importante
Non è necessario portare tutto, sono solo suggerimenti. Il materiale necessario è quello sottolineato.
Il corsista potrà poi portare altri materiali od oggetti che non sono in elenco, ma che ritiene interessanti o utili.


data orari
15 lug 2019 09.30 – 18.30
16 lug 2019 09.30 – 18.30
17 lug 2019 09.30 – 18.30
18 lug 2019 09.30 – 18.30
19 lug 2019 09.30 – 18.30
20 lug 2019 09.30 – 13.00

Sede: Centro Sociale di Rugolo

Costo: 370 euro

Termine per le iscrizioni: le iscrizioni saranno accettate nei limiti dei posti disponibili

Iscriviti