Il libro teatro

Creare un progetto di libro teatro, quali strutture utilizzare, come svilupparlo, che tecniche usare. Nel corso del laboratorio si studiano alcuni libri pubblicati che hanno come soggetto teatro e circo e costituiscono una scenografia. Si presentano alcuni prototipi e successivamente si procede alla realizzazione del libro prendendo come spunto una fiaba o una storia a propria scelta.
Il laboratorio è strutturato in due parti: nella prima, di progettazione, si sperimenta la tecnica delle mascherine e del collage, si trasferisce su carta l’idea. Ritengo basilare e costruttivo che i partecipanti mettano in comune il loro lavoro, lo esplicitino e si pongano in discussione con gli altri componenti del gruppo, facendo tesoro di quanto espresso. Considero assai importante il passaggio di cui sopra essendo il confronto un fattore di accrescimento personale in un momento di elaborazione di un progetto, momento che mi permette di fornire a tutti i presenti, collettivamente, e non indirizzati al singolo separatamente, una serie di indicazioni e consigli di carattere artistico, tecnico ed operativo necessari all’acquisizione di quella sicurezza indispensabile allo sviluppo di successivi lavori
Seconda parte: realizzazione del libro. Create una serie di tavole di prova così da impadronirsi della necessaria familiarità con carta e taglierino si passa al loro uso nella produzione di personaggi, oggetti, paesaggi imparando ad usare i colori in modo appropriato sì da giungere all’ottenimento di ombre, sfumatura, colori tenui e pieni.

Destinatari: illustratori, appassionati, artisti, docenti della scuola dell’infanzia, docenti della scuola primaria, docenti della scuola secondaria di I grado, docenti della scuola secondaria di II grado.

Ambiti specifici del laboratorio: attività artistica e creativa
Ambiti trasversali:
– didattica e metodologie: attività laboratoriale
– metodologia ed attività laboratoriale:  questo approccio consente, attraverso una sollecitazione sistematica dei partecipanti  ad esprimere il loro punto di vista, confrontarlo con gli altri  sottoponendo  a verifica le proprie affermazioni, di accrescere le loro abilità progettuali.
Le abilità sollecitate da questa sequenza di fasi, per altro, non sono esclusivo patrimonio di un’attività sperimentale in senso stretto, ma possono essere stimolate da qualsiasi attività didattica che prenda avvio da un qualsiasi progetto. La sequenza operativa, utilizzata nei corsi di formazione docenti e che gli stessi trasferiscono nelle loro attività con gli alunni, è, in linea di massima, la seguente con continuo confronto trai i partecipanti ed il docente: progettazione – discussione – sviluppo – discussione – realizzazione discussione
– didattica per competenze ed attività trasversali: attraverso l’analisi di prototipi ed albi già pubblicati durante la quale si analizzano le varie caratteristiche dei modelli ed il loro utilizzo nell’ambito scolastico a vari livelli si procede la creazione di un libro/albo illustrato.  La creazione del libro ed il suo successivo utilizzo potrà essere rivolto a vari settori compreso quello scientifico
– apprendimento.: progettazione e realizzazione di un prototipo di libro teatro

Obiettivo: rendere il docente in grado di creare il libro teatro e di riproporre tale attività ai suoi alunni

 

Il materiale tecnico artistico è a carico del corsista.
Viene fornito il seguente materiale per uso comune|: colori, rulli, basi per inchiostrazione, spatole, righe metalliche pesanti.
Portare:
1 tappetino da taglio o una base in cartone grigio da legatoria spessore 2,5 mm per poter tagliare senza problemi
1 taglierino di precisione e taglierino a lame spezzabili da 18 mm di larghezza (se con vite di fissaggio è preferibile, questo per motivi di propria incolumità)
1 riga in acciaio da 30/50 cm
70 ca. fogli bianchi di carta A4 gr 80-100 (da fotocopie) per schizzare e per creare le mascherine
30 ca. fogli bianchi di carta A3 gr 80-100 (da fotocopie) per schizzare e per creare le mascherine
4 fogli di cartoncino bianco dimensioni 70×100 da 220/240/260 gr. a superficie liscia
matita nera in grafite, gomma per cancellare, temperamatite, forbici, uno stick di colla, forbice
pieghetta/stecca in osso per chi la possiede
Gli interessati al collage devono fornirsi anche di carta colorata da 80/100 gr e di cartoncino sempre colorato da 160 gr, una boccetta di collante vinilico ed un pennello a punta ed uno a spatola.


Indipendentemente dall’orario di inizio e termine giornaliero del laboratorio i partecipanti saranno liberi di proseguire il loro lavoro anche nelle ore di pausa di metà giornata.
Nel  caso di richieste di informazioni e chiarimenti, Eleonora Cumer mette a disposizione il proprio indirizzo email info@eleonoracumer.com www.eleonoracumer.com

data orari
01 dic 2018 10.00 – 19.00
02 dic 2018 09.30 – 18.00

Sede: Centro Sociale di Rugolo

Costo: 180 euro

Termine per le iscrizioni: le iscrizioni saranno accettate nei limiti dei posti disponibili

Iscriviti